Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo
Menu

Romelu Lukaku, "find your purpose"

Il colpo dell'estate è arrivato: Romelu Lukaku è il nuovo attaccante della Roma. E Mourinho non trova solamente il centravanti, ma anche la sua rabbia e la sua voglia di vincere. "Find your purpose or you wastin' air". Suona così "Victory Lap", il pezzo che Romelu Lukaku mette al primo posto della s

Sul carro di Sardar Azmoun

La Roma ha un nuovo attaccante. Si tratta di Sardar Azmoun, arrivato tra critiche e silenzio ma pronto a mettere in campo la sua stoffa. La stessa che lo portò a prendere posizione contro il regime in Iran.  Prendere posizione, fare una scelta, far sentire la propria voce. Non sono molti i calc

Cosa sta succedendo a Tony Ferguson

La vita di Tony Ferguson sta attraversando una fase complicata, instabile e, per chi gli sta accanto, inquietante. Una serie di paranoie, infatti, avrebbero portato il fighter a compiere delle azioni incomprensibili agli occhi della famiglia, come la distruzione delle mura di casa con l'intento di s

Ciao, Carletto

Per capire chi è stato Carlo Mazzone basterebbe chiedere a Pep Guardiola, oppure ad Andrea Pirlo, a Giancarlo Antognoni, a Roberto Baggio, a Francesco Totti. Basterebbe chiedere ai grandi, proprio come lui.  Questo 19 agosto 2023 non è un giorno qualunque per il calcio e il nostro sport. Carlet

Con Daichi Kamada inizia l’era dei samurai

È Kamada il sostituto di Milinkovic Savic alla Lazio. Un acquisto che è già storia per la squadra di Sarri. La Lazio nella sua storia centenaria non aveva mai avuto in squadra un calciatore giapponese. Nel 1995 Zaizen Nobuyuki, all’epoca diciottenne, partecipò al ritiro estivo dei biancocelesti a Ki

Come ti soffio il grande slam

Il sogno di Carlos Alcaraz bambino è diventato realtà. E lo ha fatto battendo niente di meno che Djokovic.  "Qual è il tuo sogno?""Vincere Roland Garros e Wimbledon" Carlos Alcaraz aveva 12 anni quando rispose a questa domanda. D'altronde vincere in Inghilterra è il sogno di qualsiasi gioc

A noi che siamo cresciuti con Sergio

Un addio preparato da tempo e ugualmente inaspettato, quello di Milinkovic Savic alla Lazio. Eppure la sua carriera a Roma ha segnato un'epoca.  Era la stagione 2015-2016. L'ultimo anno di Klose a Roma. Quello dei preliminari di Champions e dell'esonero di Pioli che portò sulla panchi

Quello che ci insegna Jakub Jankto

Jakub Jankto è tornato a giocare in Italia, precisamente a Cagliari. Sarà il primo calciatore dichiaratamente omosessuale a giocare in Serie A. A che punto è il nostro paese? Una foto in bianco e nero, scattata a due passi dal porto, in Via Roma. Un cappellino tirato sugli occhi, a nascondere il vol

Addio, Luisito

Ci ha lasciato Luis Suárez Miramontes, detto Luisito, campione d'Europa con la Spagna e con l'Inter, una carriera tra Deportivo La Coruna, Barcellona e Sampdoria. E' l'unico spagnolo ad aver vinto il Pallone d'Oro In tutti i capolavori, e le grandi squadre di calcio sono capolavori, c'è sempre

Il panta rei nel calcio

Riflessione sulla trasformazione del calcio, tra Marx ed Eraclito, mutamento e tradizione. Panta rei: espressione greca che in italiano può essere tradotta con le parole "tutto si muove, tutto è in movimento, tutto scorre, tutto muta". Il primo a pronunciarla pare sia stato il filosofo Eraclito, vis

A questa Italia serve una rivoluzione

La sconfitta dell'Italia con la Spagna mette in evidenza problemi vecchi e nuovi di una nazionale "fai da te" che sta allontanando sempre di più una generazione di tifosi.  Terzo minuto di gioco. Bonucci, capitano della nazionale, regala un pallone a Yeremi Pino che non ci pensa due volte e gon

Novak l'inarrestabile

Novak Djokovic a 36 anni compiuti porta a casa il terzo Open di Francia della sua lunga e prestigiosa carriera.   "Io non sono il nuovo che avanza/ Sono il vecchio che si riconferma" cantava Salmo in PxM. E Novak Djokovic a riconfermarsi ci ha preso gusto andando contro quei "pazzi" ed est

Un vento che non smetterà mai di soffiare

La finale di Europa League lascia in eredità qualcosa di molto importante per la Roma e per i Romanisti.  Non ho nominato la parola "Roma" per almeno quattro giorni. E penso che sia stato l'intervallo più lungo di tutta la mia vita. Non ho ancora mai detto ad alta voce la parola "finale". Cambi

Like what you see?

Hit the buttons below to follow us, you won't regret it...