Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo
Menu
Post Image

Cosa è stato José Mourinho per la Roma?

Un parafulmine e una guida, un profeta e uno scudo. Un sogno. José Mourinho, per la Roma, è stato tante cose, tutte insieme.

José Mourinho se n'è andato dalla Roma più o meno nella stessa maniera in cui era arrivato. Di colpo, a sorpresa, inaspettatamente. E la mattina del 16 gennaio 2024, quando la notizia del suo esonero è diventata ufficiale, ha molto in comune con il pomeriggio del 4 maggio 2021. Hanno in comune lo stupore, l'incredulità, la necessità di fermarsi, per un attimo, e capire cosa sta succedendo. Ecco, proviamo a fermarci. E soprattutto proviamo a capire: cosa è stato José Mourinho per la Roma? Cosa è stato José Mourinho per noi?

Per provare a rispondere dobbiamo partire dalle sensazioni di questi giorni persi, strani. A partire dalla prima, quella che ha iniziato a farsi sentire ai primi messaggi, alle prime notifiche, alla lettura delle prime agenzie. Lo smarrimento. La sensazione di aver perso la posizione, la direzione, di non riconoscere più lo spazio in cui ci si trova. E se è questo il primo sentimento, vuol dire che José Mourinho, per la Roma, è stato soprattutto una guida. Lo ha fatto dal primo momento a Trigoria, affacciato sul tetto, davanti ai tifosi, una sciarpa in mano. Indicava la lupa, indicava una via, una speranza. Rimettere le cose nel giusto ordine, guardarle dalla giusta prospettiva: la Roma, poi tutto il resto.

...

Dizionario Romanista: Famiglia. Sette giorni dopo Roma Feynoord - Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo

Sono passati sette giorni da quando la Roma ha vinto e io, stamattina, ho pianto. Ho pianto mentre guardavo le immagini del trionfo, della partita, della Coppa, cosa che faccio più o meno a ripetizione da mercoledì sera. Ho pianto perché forse, finalmente, sono riuscito a capire che cosa significa questa vittoria per me, per noi.

È da lì che abbiamo iniziato a sognare. Perché José Mourinho, per la Roma, per i romanisti, è stato soprattutto un sogno. L'idea di poter diventare grandi davvero, l'idea di poter vincere. E così è stato, in effetti. A Tirana, per un soffio a Budapest. Due finali europee in due anni. L'idea di poter finalmente invertire il destino, di cambiare la storia. Arrivava l'allenatore che aveva vinto tutto in giro per il mondo. Quello che ci aveva sbattuto il Triplete in faccia, alzandoci di fronte uno scudetto che avremmo meritato come pochi. Quello antipatico, brutto e cattivo. Quello che ho odiato e che proprio per questo ho amato quasi più di tutti gli altri.

José Mourinho, la lupa sul petto
...

Ho visto Josè - Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo

Sono le 19.50. Sono da poco passate le 19.27 e dopo 538 giorni di silenzio la Curva Sud torna a lanciare il suo grido. "Roma alè, Forza Roma alè, Forza Roma alè, Roma alè, Roma alè". È un ritorno a casa particolare, diverso dal solito. Sarà che è passato quasi un anno e mezzo, che dobbiamo stare ancora distanti. Ma c'è qualcosa di strano. La sensazione di una presenza altra, qualcosa di trascendente, di anormale. È la convinzione che Lui sia qui. Da qualche parte, nascosto, Josè Mourinho si aggira nei meandri dello Stadio Olimpico, del tuo stadio, del mio stadio. Di casa nostra.

Mourinho è stato un salto verso l'alto, un atto di ribellione. Un tuffo nel vuoto, una barriera da scavalcare per poi ritrovarsi sul prato del tuo stadio, in una notte di fine maggio, a piangere e a ridere insieme, per la Roma Campione. Mourinho è stato lacrime e sudore, in un'altra notte dello stesso mese, stavolta senza lieto fine, dopo una cavalcata eroica che resterà uno dei miei ricordi da tifoso più belli, più veri. L'attesa, la trepidazione, la paura. La certezza che qualcosa sarebbe potuto succedere. Ho un'immagine nella mente che non mi passerà tanto facilmente: Bayer Leverkusen Roma è finita da poco, siamo in finale. Torno a casa e quasi non ci credo. Me lo devo ripetere, prima solo in testa, poi quasi sottovoce, fino ad urlarlo dal motorino. Mourinho per la Roma, per i romanisti, è stato una rivoluzione, un tentativo di sovvertire l'ordine prestabilito. Lo è stato nelle parole, nei gesti, negli sguardi.

Mourinho è stato un mercante di sogni, un profeta, uno sciamano. Un parafulmine, un guardiano, uno scudo. L'allenatore che, anche solo per un attimo, è riuscito a invertire la storia di questa squadra, a farci vedere più da vicino quello che abbiamo sempre immaginato. Anzi, quello che abbiamo sempre avuto paura di immaginare. Ci ha fatto vedere dove vogliamo essere, dove dobbiamo essere. José Mourinho è un pezzo di prato dello Stadio Olimpico, che ho staccato e ho messo in un quadretto, qui a casa. A ricordarmi per sempre dove sono stato. E dove voglio tornare. 

L'ultimo volo dell'Uccellino
Dizionario Romanista: Alibi
 

Commenti (0)

  • Non ci sono commenti. Inserisci un commento per primo.

Lascia un commento

Immagine Captcha

Accettando accederai a un servizio fornito da una terza parte esterna a https://il-catenaccio.it/

Like what you see?

Hit the buttons below to follow us, you won't regret it...