Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo
Menu
Post Image

Chi è Brunori? Alla scoperta del bomber del Palermo

Tra gli attaccanti più prolifici dei campionati italiani spicca Matteo Brunori, bomber da record del Palermo. Arrivato in prestito dalla Juventus ha messo a referto 18 gol e 4 assist in 32 presenze, segnando per ben 8 partite consecutive (in A e B nessuno ha fatto meglio). Grazie a questi risultati, è entrato nella storia del club rosanero: è il giocatore che ha segnato per più partite consecutive in 121 anni di storia.

Bomber Brunori con la maglia rosanero (Fonte: Palermo Fc - Tullio Puglia)

Biografia del bomber rosanero. Chi è Brunori?

Matteo Brunori, bomber del Palermo, nasce il 1° novembre 1994 a Macaè, in Brasile, nello Stato di Rio de Janeiro. I genitori sono italiani (lui è naturalizzato italiano). A un anno, si trasferisce in Italia per vivere con i nonni, in Umbria. A Repubblica ha confessato che il nonno era appassionato di moto e aveva provato a coinvolgerlo nella propria passione. Si è avvicinato al calcio fuori dalle mura domestiche, giocando per strada o a scuola con altri bambini. Il nome completo è Matteo Luigi Brunori Sandri, ma il calciatore ha fatto cancellare Sandri, cognome del padre che non conosce. Lui si sente umbro: è cresciuto ad Assisi, insieme al nonno, ex proprietario di un'azienda specializzata nella produzione di cashmere. L'amore devoto per il nonno è tatuato sulla sua pelle. Da piccolo tifava per il Milan: i suoi idoli erano Kaka e Pato. Tuttora simpatizza per la squadra di Pioli, soprattutto per la corsa scudetto di quest'anno. Scontato chiedersi se accetterebbe una chiamata dei rossoneri. Vive con la futura moglie, Dalila, e la cagnolina Nina. Matteo e Dalila si sono conosciuti a Perugia, nel centro commerciale dove lei lavorava, quando lui militava nel Villabiagio in Serie D (stagione 2017/18). I due si sposeranno il prossimo giugno e voleranno negli Stati Uniti, come avevano pianificato prima del Covid.

...

Il Palermo torna in B: le tappe - Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo

Analizziamo le tappe della cavalcata trionfale del Palermo, nei Play Off validi per la promozione in Serie B! Esaminiamo in ordine - concentrandosi sugli stadi e sulle principali informazioni storiche - le squadre affrontate dai rosanero prima dell'atto finale del Barbera.

Un fiore sbocciato a stagione inoltrata, bomber Brunori

Brunori ha 27 anni. Questa è indubbiamente la sua migliore stagione. Nell'intervista rilasciata a Salvatore Geraci di Repubblica, l'attaccante ha spiegato come la chiamata del Palermo fosse stata vissuta come l'occasione ideale per rimettersi in gioco, ripartendo con nuove emozioni, convinzioni e obiettivi, cercando compagni di rivincita, che sono stati individuati nella società rosanero e nell'intera piazza di Palermo. Giovanni Tedesco, che l'ha allenato ai tempi del Foligno, si aspetta che la sua avventura calcistica cominci a partire da ora. La carriera di un calciatore è difficile. La ricerca dell'occasione giusta è ardua e richiede allineamenti complessi. Brunori, ad esempio, dopo un'ottima annata all'Arezzo (una delle sue migliori stagioni, prima di Palermo, con 17 centri stagionali) è approdato in Serie B. Ma non è riuscito – non solo per proprie responsabilità – ad approfittare dell'occasione. Ma non rimpiange niente. Ha accettato che non fosse l'occasione giusta. Ha rispettato il proprio destino, aspettando una nuova occasione. E l'ha trovata in Sicilia, anche grazie alle proprie motivazioni.

Bomber Brunori con la maglia dell'Arezzo (Fonte: Giornale di Sicilia)

Brunori, bomber rosanero da record

Brunori è già nella storia rosanera. Con il gol rifilato all'Avellino, il 13 marzo scorso, ha firmato un filotto di ben 8 partite consecutive condite da gol (in A e B nessuno ha fatto meglio e il primato assoluto, con undici partite consecutive in gol, appartiene a Batistuta: Serie A 1994/95). In particolare, ha battuto lo storico record dell'attaccante turco Sukru Gulesin (in gol per 7 partite consecutive in Serie A, nella lontana stagione 1950/51 con i rosanero). Si è fermato solo contro la Fidelis Andria, prima di tornare al gol a Potenza, regalando il gol del pari negli ultimi minuti. Da inizio 2022, dopo la rete realizzata nel derby con il Messina (con cui aveva giocato in Coppa Italia in C), non aveva più smesso di segnare. In carriera ha messo a segno 92 gol totali. Adesso è a -5 gol dal suo record personale, risalente all'esperienza nel Villabiagio, in Serie D. Nel suo mirino, anche la vittoria del titolo di capocannoniere di categoria. Il girone è momentaneamente comandato da Moro del Catania, con 21 centri, di cui 10 realizzati dal dischetto (contro i 18 gol, di cui 2 dagli 11 metri di Brunori).

La numero 9 rosanero è una maglia pesante. A Palermo è stata indossata da grandi campioni come Toni (è a -2 dal suo secondo miglior score) e Dybala (ha già 5 centri in più dell'argentino nella sua stagione più prolifica). Ai tifosi rosanero, Brunori rievoca dolci ricordi, visto che ha eguagliato dopo venti anni di distanza il record di gol stagionali in Serie C di Firmino Elia (classe '74) con la maglia del Palermo. Elia è uno dei protagonisti della promozione in Serie B dei rosanero nel 2001, ed è stato intervistato dal Giornale di Sicilia: «Brunori è un grandissimo calciatore, se la squadra avesse ingranato subito sarebbe stato meglio... Adesso con Baldini si vede u n'impronta un po'diversa rispetto a prima. Lui mi assomiglia parecchio, per me è più una punta di movimento che un centravanti. È un grandissimo attaccante per la categoria, può fare assolutamente bene»

...

Intervista a Sacha Lanci, assistente preparatore dei portieri al Watford - Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo

Abbiamo avuto il privilegio di parlare con Sacha Lanci, assistente preparatore dei portieri al Watford. Tra i temi affrontati: la Coppa del mondo Gazzaniga, gli Azzurri e il movimento calcistico italiano - compreso quello femminile - il rapporto delle nuove generazioni con il calcio, le possibili riforme, la Premier e il suo legame con il Napoli. Oltre ad averci parlato di sé, ha rivolto consigli ai giovani e a chi sogna di lavorare nel calcio.

Storia calcistica di Brunori

Nella sua carriera ha giocato in Eccellenza con il Petrignano (squadra umbra del Lago Trasimeno), in Lega Pro (ex Serie C) con le maglie di Foligno, Reggiana, Arezzo e Pro Patria, e in Serie B con il Pescara. La Juventus lo ha preso nel gennaio 2020 proprio dagli abruzzesi, sborsando poco meno di 3 milioni di euro. I bianconeri lo hanno scelto in ottica U23, per testarne le capacità. L'estate successiva passa alla Virtus Entella in Serie B, per maturare in un campionato più competitivo. In Liguria, per lui, 34 presenze condite da 4 reti e 3 assist. Non sono bastate, tuttavia, a salvare la squadra di Chiavari. Durante la scorsa estate, Brunori è tornato a Torino, prima di fare rotta su Palermo, in prestito. Scelta azzeccata, perché in Sicilia sta mostrando la propria migliore versione. È stato il direttore rosanero Castagnini a volerlo fortemente. È stato lui a convincerlo a scegliere Palermo, nonostante il ragazzo avesse proposte dalla Serie B. La Juventus ha lasciato la scelta finale a Brunori e al suo entourage. Il Palermo, nonostante sia in Lega Pro, ha una storia e un blasone da categorie superiori. Si tratta di una città abituata a grandi talenti e palcoscenici importanti.

Brunori festeggia la vittoria della Coppa Italia Serie C con la maglia della Juve U23 (Fonte: Assisi Sport)

Caratteristiche tecniche del bomber rosanero

Alto 1,80, destro piede, Matteo Brunori non è un centravanti boa, ma un attaccante di movimento. Nella fattispecie, è più una seconda punta o un esterno d'attacco piuttosto che un centravanti classico. Questo perché, in primo luogo, è un giocatore estremamente dinamico, abituato a muoversi lungo il fronte d'attacco, pressando i difensori, attaccando gli spazi, e scivolando all'occorrenza sugli esterni per aprire varchi nelle difese avversarie. Tra i suoi migliori attributi c'è proprio questo moto perpetuo su tutto il fronte offensivo. Questo ne fa un giocatore generoso. Non è tanto fisico ma è astuto e gode di una buona capacità di lettura, che lo porta a trovare i varchi giusti, con la corsa e con la palla. Brunori nella sua carriera ha già dimostrato di poter andare in doppia cifra (soprattutto ad Arezzo e al Villabiagio), mostrando un formidabile istinto realizzativo.

I compagni di squadra hanno capito i suoi movimenti e hanno imparato ad innescarlo. Spesso è imbeccato da Valente, che dei 6 assist in campionato, cinque li ha serviti proprio a Brunori. Adesso oltre a far gol, ha iniziato a farli fare. L'intesa con la squadra cresce di partita in partita. I suoi gol sono di pregevole fattura. Capita prevalentemente di vederlo scappare verso la porta avversaria inseguito dai difensori, prima di insaccare. Sa puntare la porta e trovare lo spazio per la conclusione. Inoltre, sfoggia un'ammirevole coordinazione. Uno dei suoi pregi è di mantenersi lucido e freddo sotto porta, nonostante i chilometri corsi ogni partita per fiaccare la linea difensiva avversaria. La squadra di Baldini è una delle più prolifiche negli ultimi minuti.

Il rapporto tra Brunori e Baldini

Brunori è felice a Palermo (Fonte: Giornale di Sicilia)

Mister Baldini si è rivelato fondamentale per la crescita del ragazzo. Sia per i consigli, sia per la disposizione tattica a lui congeniale, visto che Brunori beneficia del 4-2-3-1 a trazione offensiva del tecnico toscano. Con l'avvicendamento tattico portato da Baldini i giocatori offensivi possono mettere in evidenza maggiormente le proprie qualità. I rosanero stanno seguendo i dettami dell'allenatore: ora cercano di pressare alti e conquistano molti più palloni, soprattutto nelle zone nevralgiche del campo. Dal punto di vista umano, Baldini ha imparato a conoscere Brunori. Carota e bastone, la ricetta della crescita. L'allenatore non ha perso le occasioni per rimproverare Brunori quando non ha lavorato abbastanza per la squadra o non ha eseguito le sue indicazioni. Dopo il pareggio contro la Fidelis Andria, Baldini ha detto che avrebbe sostituito Brunori già prima della mezzora perché non era contento del suo contributo. Allo stesso modo, il tecnico non ha perso occasione per elogiarlo e motivarlo, nel corso della stagione. Gran parte del merito è sua.

...

Il meraviglioso mondo degli xT - Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo

Nell'ultimo decennio il mondo del Pixel ha vissuto un boom clamoroso. Dopo un periodo di ricerca dell'altissima definizione, il ritorno al passato: alla teoria alla base di ogni tipo di applicazione dai videogames alle scienze: per capire il macroscopico, dobbiamo andare a fondo nel microscopico.

Il futuro del di Brunori tra Juventus e Palermo

A Palermo, Brunori sta bene. L'attaccante non si sbilancia sul proprio futuro: sa che non lo deciderà da solo. Ci sarà da parlare con la Juve proprietaria del cartellino e molto interessata alle sue prestazioni e alla sua evoluzione. Brunori ha detto che al proprio procuratore rivelerà la propria volontà, a prescindere dalle condizioni. Il procuratore, però, a Tuttomercatoweb ha dichiarato che in caso di mancata promozione in B, la permanenza in rosanero potrebbe complicarsi. Parole confermate anche dal direttore palermitano Castagnini a Palermo Today: "Non è detto che torni a Torino - ha detto – si trova molto bene a Palermo, il procuratore è contento che sia qui e con la Juventus abbiamo buoni rapporti, Ancora è presto per dire se riusciremo a trattenerlo. Sarà importante la categoria come tutti gli altri fattori ma non ci sentiamo tagliati fuori per lui".

Il contratto con la Juve scade nel 2024. A Palermo è arrivato in prestito secco. Brunori non si sente sedotto e abbandonato dalla società bianconera. Da quando è arrivato ai bianconeri, ha capito che non si trattava di un traguardo finale, ma di un nuovo inizio, con maggiori aspettative e difficoltà. In questo momento, Brunori è concentrato esclusivamente sul suo obiettivo principale: trascinare la piazza palermitana in Serie B. Al momento, i rosanero occupano la sesta posizione del girone C (Lega Pro), con 53 punti e una partita da recuperare, e sono in piena corsa per i play off. Domani a Pagani (Salerno), contro la Paganese, il Palermo e Brunori possono continuare la loro marcia.

Italia fuori dai Mondiali, guai in casa Rai
Italia, siamo alla frutta: la Macedonia è indigest...
 

Commenti (0)

  • Non ci sono commenti. Inserisci un commento per primo.

Lascia un commento

Immagine Captcha

Accettando accederai a un servizio fornito da una terza parte esterna a https://il-catenaccio.it/

Like what you see?

Hit the buttons below to follow us, you won't regret it...