Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo
Menu
Post Image

Da Bergamo a Bergamo: il Milan torna sul luogo del delitto

Il Milan di Stefano Pioli, dopo la beffa targata Cakir in Champions contro l'Atletico, si appresta a viaggiare per Bergamo dove domenica sera alle 20:45 affronterà i padroni di casa dell'Atalanta in un vero e proprio big match d'alta classifica. La partita non può ovviamente sfuggire a disamine che vanno oltre il mero aspetto tecnico e tattico. La tappa orobica è diventata nell'ultimo anno e mezzo una vera e propria sliding doors per i rossoneri. A dicembre del 2019 gli uomini di Pioli subirono una delle più pesanti batoste della propria storia sportiva: un 5-0 che sembrava aver distrutto tutte le speranze del club rossonero di uscire dalla propria Banter Era.

Come l'araba fenice però, il Milan cominciò una lenta risurrezione dalle sue stesse ceneri e un anno dopo, precisamente a maggio scorso, lo 0-2 firmato Kessié ha regalato al Diavolo l'agognato ritorno in Champions. Bergamo dunque come sfida morale e di riscatto sociale. Bergamo come Via Crucis. Bergamo come rinascita. La sfida di domenica rappresenta forse oggi l'incrocio tra le due migliori espressioni del calcio italiano. Politiche molto simili e un calcio europeo, piacevole da vedere e decisamente produttivo dal punto di vista della classifica.

Pioli e Gasperini, tanto diversi nel carattere quanto simili nell'approccio e nei principi di gioco, hanno tutta l'intenzione di continuare a stupire e di confermare quantomeno il posto Champions. La gara di domenica sera, l'ultima prima della seconda sosta delle nazionali, dirà dunque molto sulle ambizioni delle due compagini, col Diavolo ormai accreditato alla vittoria finale persino dagli scettici bookmakers. In questo senso, Leao e il recuperato Muriel si candidano ad attori protagonisti. I colpi del portoghese e del colombiano promettono di infiammare l'Atleti Azzurri d'Italia, con l'esterno classe '99 che sembra aver definitivamente imboccato la strada della definitiva consacrazione.

Grande attesa dunque: la tappa di Bergamo è pronta a scrivere un nuovo capitolo nell'era del Piolismo. L'era che ha riconsegnato il Milan ai vertici del panorama calcistico nazionale e internazionale.

Gigio Donnarumma, il grande errore di Mino Raiola
Il Milan non si nasconde più
 

Commenti (0)

  • Non ci sono commenti. Inserisci un commento per primo.

Lascia un commento

Immagine Captcha

Accettando accederai a un servizio fornito da una terza parte esterna a https://il-catenaccio.it/

Like what you see?

Hit the buttons below to follow us, you won't regret it...